Archivio news

Sabato, Gennaio 20, 2018
Principio attivo:
Reazione:

Una revisione di revisioni Cochrane analizza gli effetti a medio e lungo termine degli oppioidi nel trattamento del dolore cronico non oncologico.

Venerdì, Dicembre 22, 2017

Sebbene l’insorgenza di rabdomiolisi iatrogena sia prevalentemente associata all’uso delle statine, prove scientifiche fornite dalla letteratura supportano il coinvolgimento anche di farmaci antiepilettici, quali fenobarbital e fenitoina.1

Mercoledì, Gennaio 10, 2018
Reazione:

Secondo uno studio di popolazione francese, l’esposizione a tiopurine (come azatioprina o mercapturina) e/o farmaci anti-TNF per la terapia di malattie infiammatorie croniche intestinali comporta un aumento del rischio di linfoma.

Sabato, Dicembre 30, 2017
Principio attivo:

Uno studio giapponese segnala che il trattamento con tocilizumab della sindrome di Kawasaki può potenziare la predisposizione tipica della malattia allo sviluppo di un aneurisma delle coronarie.

Mercoledì, Dicembre 20, 2017
Principio attivo:

Un’indagine dello Spanish Centre for Pharmacoepidemiologic Research (CEIFE) esclude che l’impiego di acido acetilsalicilico per la profilassi cardiovascolare modifichi il rischio di sanguinamento a carico del sistema nervoso centrale.

Domenica, Dicembre 10, 2017
Principio attivo:

Secondo una revisione sistematica condotta dai ricercatori dell’Università di Gerusalemme, l’impiego degli ipnoducenti alternativi alle benzodiazepine meglio noti come farmaci-Z (zolpidem, zopiclone, eszopiclone e zaleplon) si associa a un aumento del rischio di fratture.

Giovedì, Novembre 30, 2017

Da uno studio cui hanno collaborato ricercatori statunitensi e francesi emerge chiara l’importanza della farmacovigilanza postmarketing.

Lunedì, Novembre 20, 2017

In età pediatrica l’associazione di vancomicina con piperacillina/tazobactam è particolarmente dannosa per la funzione renale.

Venerdì, Novembre 10, 2017

Secondo una metanalisi, l’impiego di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) o di inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI) in età pediatrica si associa a un rischio significativo di eventi avversi anche gravi, a fronte di un...

Lunedì, Ottobre 30, 2017

Uno studio multicentrico retrospettivo effettuato dai ricercatori del Canadian Network for Observational Drug Effect Studies (CNODES) ha confrontato la sicurezza, nei primi 3 mesi di impiego, degli anticoagulanti diretti con quella del warfarin in corso di tromboembolia venosa...

Pagine