Archivio news

Giovedì, Marzo 30, 2017
Una sottoanalisi dello studio internazionale TECOS (Trial Evaluating Cardiovascular Outcomes with Sitagliptin) disegnato per valutare la sicurezza cardiovascolare di sitagliptin, sembra escludere che il suo impiego aumenti il rischio di malattie del pancreas, come ipotizzato in studi precedenti.
Lunedì, Marzo 20, 2017
Alcuni inibitori della proteasi dell’HIV hanno un profilo di sicurezza renale migliore di altri .
Venerdì, Marzo 10, 2017
Una revisione sistematica coordinata dai ricercatori dell’Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Norimberga, ha analizzato nella popolazione pediatrica e giovanile (età inferiore ai 25 anni) con emoglobinopatia gli eventi avversi di deferoxamina, deferiprone e deferasirox, da soli o in combinazi
Martedì, Febbraio 28, 2017
Dati epidemiologici provenienti da diverse parti nel mondo segnalano un rilevante aumento dei casi di sifilide tra pazienti maschi omosessuali, specie se con infezione da HIV e in trattamento con terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART).
Reazione
Lunedì, Febbraio 20, 2017
Gli inibitori della pompa protonica potrebbero esercitare un’importante interazione farmacologica sui farmaci antipertensivi nitroderivati.
Principio attivo
Venerdì, Febbraio 10, 2017
Uno studio di coorte condotto dalla Harvard Medical School di Boston suggerisce che l’impiego di ACE inibitori non aumenta il rischio di malformazioni nel neonato.
Principio attivo
Venerdì, Gennaio 20, 2017
Secondo uno studio trasversale condotto dall’Università di Edimburgo, l’inibizione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene in corso di terapia cronica con oppioidi è una reazione avversa frequente.
Principio attivo
Lunedì, Gennaio 30, 2017
Gli inibitori dell’acetilcolinesterasi comportano un rischio significativo di calo ponderale.
Reazione
Martedì, Gennaio 10, 2017
Uno studio prospettico controllato e randomizzato giapponese indica che la reidratazione non modifica il rischio di eventi avversi da mezzo di contrasto iodato in corso di TC addominale o pelvica.
Martedì, Dicembre 20, 2016
Una sottoanalisi del Women's Health Initiative Study stabilisce che l’impiego a lungo termine di bifosfonati aumenta il rischio di fratture scheletriche.
Principio attivo
Reazione

Pagine