Archivio news

Venerdì, Gennaio 20, 2017
Secondo uno studio trasversale condotto dall’Università di Edimburgo, l’inibizione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene in corso di terapia cronica con oppioidi è una reazione avversa frequente.
Principio attivo
Martedì, Gennaio 10, 2017
Uno studio prospettico controllato e randomizzato giapponese indica che la reidratazione non modifica il rischio di eventi avversi da mezzo di contrasto iodato in corso di TC addominale o pelvica.
Martedì, Dicembre 20, 2016
Una sottoanalisi del Women's Health Initiative Study stabilisce che l’impiego a lungo termine di bifosfonati aumenta il rischio di fratture scheletriche.
Principio attivo
Reazione
Sabato, Dicembre 10, 2016
Un consumo sostenuto di bevande energetiche può avere effetti epatotossici acuti.
Principio attivo
Mercoledì, Novembre 30, 2016

Una articolo di revisione pubblicato dal New England Journal of Medicine fa il punto sulla cardiotossicità dei nuovi farmaci target antitumorali. Analizza in particolare alcuni classi e riporta interessanti esempi.

Reazione
Domenica, Novembre 20, 2016
Uno studio prospettico di coorte condotto utilizzando il registro nazionale delle nascite della Finlandia (periodo 1996-2010, 845.345 gravidanze con feto singolo) individua una relazione tra esposizione agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) durante la gravidanza e distu
Giovedì, Novembre 10, 2016
Dall’Università di Washington arriva la segnalazione di ustioni anche gravi tra gli utilizzatori di dispositivi elettronici a rilascio di nicotina (sigarette elettroniche e vaporizzatori).
Principio attivo
Reazione
Domenica, Ottobre 30, 2016
Uno studio multicentrico internazionale con disegno caso-controllo coordinato dai ricercatori dell’Università Bicocca di Milano e condotto nell’ambito del progetto europeo Interest Safety of Non-Steroidal Anti-Inflammatory Project individua un’associazione tra l’impiego di 27 farmaci antinfiammatori
Giovedì, Ottobre 20, 2016
Un ampio studio condotto su donne in attesa assistite da Medicaid e in trattamento per disturbi ipertensivi della gravidanza stabilisce che l’assunzione di betabloccanti nella fase finale della gestazione comporta il rischio di ipoglicemia e bradicardia neonatale.
Lunedì, Ottobre 10, 2016
Secondo uno studio canadese effettuare in gravidanza la risonanza magnetica con gadolinio comporta un aumento del rischio di morte fetale o neonatale.
Principio attivo

Pagine