news / Martedì, Luglio 30, 2013
Martedì, Luglio 30, 2013

Profilo di rischio dei broncodilatatori nei pazienti con BPCO

Secondo uno studio canadese, nei pazienti anziani con BPCO il rischio di eventi avversi cardiaci è simile con l’impiego delle due classi di broncodilatatori di prima linea, gli anticolinergici a lunga durata d’azione o i beta agonisti inalatori a lunga durata d’azione. Queste conclusioni derivano dall’analisi retrospettiva degli archivi sanitari della provincia dell’Ontario (13 milioni circa di assistiti, dei quali 1.800.00 sopra i 66 anni d’età), da cui sono stati estratti i dati di 191.005 pazienti con BPCO che avevano ricevuta una prima prescrizione di un broncodilatatore tra il 1° settembre 2003 e il 31 marzo 2009.

Il 28% (n=53.532) era stato ricoverato in ospedale o era comunque arrivato al Pronto soccorso per un evento cardiovascolare (sindrome coronarica acuta/infarto acuto del miocardio, scompenso cardiaco, ictus ischemico, aritmia).

Circa la metà dell’intero campione (n=26.628) è stato oggetto di una analisi caso-controllo che ha evidenziato un rischio maggiore di eventi cardiovascolari rispetto al non trattamento per entrambe le classi di farmaci (beta agonisti long acting: odds ratio 1,31, limiti di confidenza al 95% da 1,12 a 1,52, p<0,001; anticolinergici long acting: odds ratio 1,14, limiti di confidenza al 95% da 1,01 a 1,28, p=0,03), mentre dal confronto diretto non è risultata una differenza significativa (odds ratio 1,15, limiti di confidenza al 95% da a 0,95 a 1,38, p=0,16). Analizzando separatamente gli esiti cardiovascolari, il rischio si confermava per gli eventi coronarici e lo scompenso cardiaco, non per le aritmie e l’ictus ischemico. Anzi, relativamente a quest’ultimo evento avverso, considerando i farmaci di ultima generazione, è emerso un vantaggio a favore dei nuovi broncodilatatori anticolinergici rispetto ai nuovi beta agonisti inalatori (beta agonisti vs anticolinergici odds ratio 1,73, limiti di confidenza al 95% da 1,06 a 2,83, p<0,03).

Il profilo di rischio dei broncodilatatori nei pazienti anziani e/o cardiopatici con BPCO si conferma critico. Non si rilevano differenze tra i farmaci disponibili fatta eccezione, tra i nuovi medicinali e solo per l’ictus ischemico, per un maggiore sicurezza degli anticolinergici.

Una volta stabilita l’indicazione al trattamento, è pertanto essenziale un attento controllo del quadro cardiologico del paziente da parte del curante.

Gershon A, Croxford R, et al. Cardiovascular safety of inhaled long-acting bronchodilators in individuals with chronic obstructive pulmonary disease. JAMA Intern Med 2013; doi:10.1001/jamainternmed.2013.1016.

e-mail ricercatore: andrea.gershon@ices.on.ca