news / Mercoledì, Luglio 10, 2019
Mercoledì, Luglio 10, 2019

Inibitori di pompa protonica e mortalità

L’assunzione prolungata di inibitori di pompa protonica sarebbe associata a un eccesso, pur piccolo, di mortalità conseguente a patologie cardiovascolari, insufficienza renale cronica e tumori di esofago e stomaco.

La notizia viene da uno studio longitudinale di coorte statunitense, che fa seguito alle segnalazioni presenti in letteratura sugli eventi avversi collegati agli inibitori di pompa protonica.

I ricercatori hanno analizzato 214.467 anziani trattati ex novo con un farmaco antiulcera: 157.625 con un inibitore di pompa protonica e 56.842 con un anti H2.

Si consideravano solo i soggetti nei quali la terapia durava almeno 90 giorni.

I risultati indicano a 10 anni un aumento delle morti tra gli utilizzatori di inibitori di pompa protonica in confronto a chi assumeva un anti H2 (37,92% rispetto a 35,69%), con 45,20 decessi in eccesso ogni 1.000 pazienti in terapia con la prima classe di farmaci (limiti di confidenza al 95% da 28,20 a 61,40).

Morti che erano riconducibili per lo più a malattie cardiovascolari (17,47 morti attribuibili agli inibitori di pompa protonica ogni 1.000 pazienti in terapia, limiti di confidenza al 95% da 5,47 a 28,80), tumori (12,94, da 1,24 a 24,28), infezioni (4,20, da 1,57 a 7,02) e patologie genitourinarie (6,25, 3,22 to 9,24). C’era una correlazione diretta tra durata del trattamento e aumento del rischio di mortalità.

Un aumento simile è stato riscontrato anche nei pazienti che erano stati trattati in maniera inappropriata con un inibitore di pompa (n = 116.377), nei quali è stato osservato anche un eccesso di mortalità causato da cancro di esofago e stomaco (3,12 morti attribuibili ogni 1.000 pazienti in terapia, limiti di confidenza al 95% da 0,91 a 5,44).

Pur essendo limitato, l’eccesso di mortalità negli utilizzatori di inibitori della pompa protonica deve indurre il medico a prescrivere questi farmaci in maniera appropriata, solo quando c’è una reale indicazione, specie quando la terapia viene protratta nel tempo.

Xie Y, Bowe B, et al. Estimates of all cause mortality and cause specific mortality associated with proton pump inhibitors among US veterans: cohort study. BMJ 2019; 365:l1580. DOI: 10.1136/bmj.l1580

e-mail ricercatore: zalaly@gmail.com