news / Sabato, Febbraio 29, 2020
Sabato, Febbraio 29, 2020

Allattamento e farmaci antiepilettici

Le concentrazioni dei farmaci antiepilettici nel sangue dei neonati allattati al seno sono sostanzialmente inferiori a quelle rilevate nel sangue delle madri e non pongono quindi preoccupazioni.

Uno studio prospettico di coorte statunitense ha seguito fino ai 6 anni di età 222 bambini allattati da madri in trattamento con diversi farmaci antiepilettici (carbamazepina, levetiracetam, lamotrigina, topiramato, valproato e zonisamide). I campioni di sangue sono stati raccolti 5 e 20 settimane dopo la nascita e confrontati con quelli materni.

Nel 49% dei casi la concentrazione di farmaco nel sangue del lattante era al di sotto della soglia di quantificazione. Nel confronto tra concentrazioni, quella nel sangue del lattante era variabile, a seconda del farmaco, dallo 0,3% al 44,2% di quella nel sangue materno. La concentrazione materna di lamotrigina era quella più correlata alla concentrazione nel sangue del lattante.

I risultati dello studio supportano ulteriormente la sicurezza dell’allattamento al seno nelle donne in trattamento con un antiepilettico, i benefici dell’allattamento al seno restano infatti ben superiori agli eventuali effetti negativi dei farmaci nel lattante.

Birnbaum AK, Meador KJ et al. Antiepileptic drug exposure in infants of breastfeeding mothers with epilepsy. JAMA Neurol 2019. DOI: 10.1001/jamaneurol.2019.4443

https://jamanetwork.com/journals/jamaneurology/article-abstract/2758017