news / Venerdì, Febbraio 15, 2013
Venerdì, Febbraio 15, 2013

Rischio di uveite con acido zoledronico

Principio attivo: 
Reazione: 

Un’indagine prospettica controllata con placebo condotta presso l’Università di Auckland segnala un aumento dell’incidenza di uveite acuta dopo iniezione endovenosa di acido zoledronico per il trattamento dell'osteoporosi in menopausa.

Lo studio prospettico, in doppio cieco, randomizzato e controllato, ha assegnato 2.001 donne (età >65 anni, in menopausa da almeno 5 anni, osteoporosi dimostrata da una osteodensitometria) alla somministrazione per via endovenosa di acido zoledronico, 5 mg  in un’infusione di 15 minuti (n=1.001) o di placebo (n=1.000) ogni 18 mesi. L'esito primario considerato è stata la comparsa di effetti negativi a carico dell'occhio.

Nel braccio di intervento si sono verificati 8 casi di uveite acuta (0,8%, età media delle pazienti 70,4 anni), a fronte di nessun caso nel braccio di controllo. L’uveite (bilaterale in 1 caso, monolaterale in 7; lieve-moderata in 6 pazienti e grave in 2), accertata da un oculista, si è manifestata come un arrossamento dell'occhio accompagnato da dolore ed è stata complicata da sinechie posteriori in 3 casi. L’acuità visiva risultava di poco compromessa al momento dell’esordio (da 20/20 a 20/60, media 20/30) ed è migliorata con la risoluzione dell’uveite (da 20/20 a 20/30, media 20/25). Tutti gli eventi si sono verificati nella prima settimana successiva all’infusione (in media dopo 3 giorni). E’ stato usato un trattamento intensivo con steroidi topici potenti (prednisolone acetato, gocce oculari 1%, eventualmente associato a desametasone, pomata oculare 0,1%, con riduzione a scalare secondo la risposta individuale) e ciclopentolato topico 1%, per il controllo delle sinechie posteriori. I tempi medi di durata della terapia variavano da 12 a 94 giorni (media 45 giorni) e dopo un follow up mediano di 8-23 mesi non erano evidenti conseguenze a lungo termine.

I dati dello studio indicano che l’uveite acuta è una complicanza rara ma possibile dell’infusione di acido zoledronico. I medici e i pazienti devono avere presente tale eventualità. Resta da stabilire con certezza se questo effetto negativo sia esclusivo di questo farmaco o possa verificarsi anche con altri bifosfonati.

Patel DV, Horne A, et al. The incidence of acute anterior uveitis after intravenous zoledronate. Ophthalmology 2012;doi:10.1016/j.ophtha.2012.10.028.

e-mail ricercatore: dipika.patel@auckland.ac.nz