news / Venerdì, Aprile 20, 2018
Venerdì, Aprile 20, 2018

Rischi per l’aorta con i fluorochinoloni

L’uso di fluorochinoloni si associa a un aumento del rischio di aneurisma dell’aorta. Per giungere a questa conclusione, un gruppo di ricercatori svedesi e danesi ha utilizzato retrospettivamente i dati dei registri nazionali svedesi di mortalità, di prestazioni sanitarie in regime ambulatoriale o di ricovero e di prescrizione di farmaci relativi al periodo luglio 2006-dicembre 2013.

Ha selezionato 360.088 pazienti trattati per la prima volta con un fluorochinolone (nel 78% dei casi si trattava di ciprofloxacina) e ha utilizzato come confronto 360.088 pazienti trattati con amoxicillina.

L’analisi statistica ha tenuto conto di 47 variabili demografiche e sanitarie e ha considerato come esito la diagnosi di aneurisma dell’aorta o di dissezione dell’aorta formulata per la prima volta in occasione di un ricovero ospedaliero ordinario o in emergenza o a seguito del decesso per aneurisma o dissecazione dell’aorta ed entro 60 giorni dall’inizio del trattamento antibiotico. In questa finestra temporale l’esito si è verificato in 1,2 casi per 1.000 anni-persona nei pazienti trattati con un fluorochinolone e in 0,7 casi per 1.000 anni-persona nei pazienti trattati con amoxicillina (hazard ratio 1,66, limiti di confidenza al 95% da 1,12 a 2,46). La differenza assoluta era pari a 82 eventi (limiti di confidenza al 95% da 15 a 181) per milione di pazienti trattati.

Un’analisi secondaria ha considerato separatamente il rischio di aneurisma dell’aorta (hazard ratio 1,9, limiti di confidenza al 95% da 1,22 a 2,96), che è stato confermato, da quello di dissecazione dell’aorta (hazard ratio 0,93, limiti di confidenza al 95% da 0,38 a 2,29) che non ha mostrato una differenza statisticamente significativa.

Da questo studio emerge con i fluorochinoloni un rischio di aneurisma dell’aorta contenuto, ma non trascurabile dato l’ampio impiego di questa classe di farmaci. Il meccanismo di danno della parete aortica merita di essere chiarito, ma si può ipotizzare, in analogia con quanto descritto nelle tendinopatie e nelle rotture tendinee associate ai fluorochinoloni, un danno della matrice extracellulare e in particolare del collagene favorito dall’attivazione delle metalloproteasi.

Pasternak B, Inghammar M, Svanström H. Fluoroquinolone use and risk of aortic aneurysm and dissection: nationwide cohort study. BMJ 2018;360:k678.

e-mail ricercatore: bjorn.pasternak@ki.se