news / Giovedì, Luglio 30, 2020
Giovedì, Luglio 30, 2020

Il profilo di sicurezza degli inibitori dei checkpoint immunitari

Gli eventi avversi più comuni durante il trattamento con inibitori dei checkpoint immunitari sono immunomediati e includono disturbi generali, gastrointestinali e respiratori.

Questi farmaci sembrano anche aumentare il rischio di cardiopatia ischemica e insufficienza cardiaca, eventi avversi meno noti che richiedono di essere approfonditi da ulteriori studi.

A rivelarlo è un’analisi del profilo di sicurezza degli inibitori dei checkpoint immunitari (anti CTLA-4: ipilimumab; anti PD-1/PD-L1: nivolumab, pembrolizumab, atezolizumab), fatta sui dati della Rete nazionale di farmacovigilanza.

Complessivamente, lo 0,7% delle segnalazioni nella rete era correlato a un inibitore dei checkpoint immunitari (di queste il 72,2% era attribuibile al nivolumab, il 14,3% all’ipilimumab, il 10,3% al pembrolizumab e il 3,5% all’atezolizumab).

Il 65% delle segnalazioni era relativo a uomini (età mediana 67 anni) e il 48,8% era di eventi avversi gravi.

La frequenza di eventi endocrini, generali, epatobiliari, metabolici, muscoloscheletrici, respiratori, infettivi e neoplastici è risultata significativamente superiore durante il trattamento con inibitori dei checkpoint immunitari rispetto a tutti gli altri farmaci del database (p<0,001). Nel confronto invece con gli altri farmaci anti cancro nel loro insieme solo le infezioni risultavano più frequenti.

Gli anti-CTLA-4 si associavano più spesso a colite, ipofisite e disturbi cutanei rispetto agli anti PD-1/PD-L1, i quali si associavano invece più spesso a eventi muscoloscheletrici, polmonite e disfunzioni tiroidee.

Gli inibitori dei checkpoint immunitari sono risultati anche associati a segnalazioni di cardiopatia ischemica, insufficienza cardiaca e disturbi del nervo ottico, rischi fino a oggi meno noti.

Sulla base di questa analisi il profilo di sicurezza degli inibitori dei checkpoint immunitari sembra essere caratterizzato dai noti disturbi di natura immunomediata e dall’insorgenza di altri eventi, finora meno indagati, che richiedono di essere approfonditi da ulteriori studi di sicurezza.

Cutroneo P M, Isgrò V et al. Safety profile of immune checkpoint inhibitors: an analysis of italian spontaneous reporting system database. Br J Clin Pharmacol 2020. DOI: 10.1111/bcp.14413.