news / Sabato, Luglio 20, 2013
Sabato, Luglio 20, 2013

Forse controllano il dolore articolare, ma aumentano la pressione intraoculare

La supplementazione per via orale di componenti della cartilagine articolare, come la glucosamina e il condroitin solfato, utilizzati per il controllo del dolore nell’artrosi, si associa al rischio di un innalzamento della pressione intraoculare. La segnalazione proviene da uno studio retrospettivo statunitense su 17 pazienti (6 uomini, 11 donne; età media 76 anni) con artrosi e storia di ipertensione oculare (>21 mmHg) o di glaucoma ad angolo aperto che, in base alla precedente storia clinica sono stati divisi in due sottogruppi: pazienti che avevano effettuato 1-3 determinazioni della pressione intraoculare prima dell’inizio della supplementazione (n=11) e pazienti senza misurazioni di riferimento precedenti (n=6).  

Nel primo gruppo, i valori pressori sono aumentati durante il trattamento (p=0,001) e si sono ridotti con la sua sospensione (p=0,002). Nel secondo gruppo, quello senza rilevazioni precedenti di pressione intraoculare, si è potuto osservare solo il decremento della pressione intraoculare con la sospensione (p=0,008). Anche aggregando i dati di entrambi i gruppi si confermava la reversibilità dell’innalzamento della pressione intraoculare (da 19,5 a 16,7 mmHg nell’occhio destro; da 20,3 a 17,3  mmHg nell’occhio sinistro, p<0,001 per entrambi). Gli autori non escludono tuttavia la possibilità di un effetto negativo permanente in caso di assunzioni prolungate. Raccomandano pertanto ulteriori studi a medio-lungo termine, utili anche per comprendere il meccanismo di azione della glucosamina. Al momento l’ipotesi più accreditata è un effetto ipertensivo a livello oculare analogo a quello già descritto per i glicosaminoglicani, di cui la glucosamina è un precursore.  

Murphy RK, Ketzler L, et al. Oral glucosamine supplements as a possible ocular hypertensive agent. JAMA Ophthalmol 2013; doi:10.1001/jamaophthalmol.2013.227.

e-mail ricercatore: mdoss@une.edu