news / Mercoledì, Dicembre 3, 2014
Mercoledì, Dicembre 3, 2014

I contraccettivi non accorciano la vita

Reazione: 

Un’analisi della coorte del Nurses` Health Study ha indagato l’associazione tra impiego di contraccettivi orali e rischio di morte. I risultati si riferiscono a 121.701 donne seguite per 36 anni (3,6 milioni di anni-persona), con verifica biennale dell’uso di contraccettivi orali nel periodo 1976-1982 (si trattava quindi delle formulazioni di prima e seconda generazione con dosi di ormoni relativamente più alte, soprattutto per quanto riguarda la componente progestinica). Circa la metà delle donne aveva fatto uso della pillola contraccettiva. La rilevazione dei decessi (n=31.286) è stata effettuata fino al 2012.

Nelle donne che avevano fatto uso di pillola non si è osservata alcuna relazione tra l'uso del farmaco e il rischio di morte per tutte le cause, mentre è emerso un aumento del rischio di decesso per cause violente o accidentali (hazard ratio 1,20, limiti di confidenza al 95% da 1,04 a 1,37).

Nelle donne che avevano fatto uso della pillola per più lunghi periodi di tempo era evidente una relazione diretta con il rischio di morte precoce per cancro della mammella (p<0,0001) e inversa con quello di morte per cancro dell’ovaio (p=0,002).

In sostanziale accordo con la rilevazione effettuata dallo stesso Nurses’ Health Study  al dodicesimo anno, sembra che la contraccezione orale non abbia un impatto sulla mortalità complessiva. Le analisi per sottogruppi individuano invece alcune associazioni con i decessi per i tumori femminili, con effetto verosimilmente sfavorevole per il cancro della mammella e protettivo per il cancro dell’ovaio. I dati sulla frequenza di morte violenta e accidentale sono di difficile interpretazione per possibili fattori di confondimento (da una parte donne con relazioni stabili ma vittime di violenza userebbero più probabilmente la contraccezione, dall’altra questi farmaci avrebbero un effetto protettivo sui disturbi dell’umore e in particolare sulla depressione).

I risultati meritano comunque di essere verificati sulle formulazioni a basse concentrazioni di ormoni attualmente disponibili.

Charlton BM, Rich-Edwards JW, et al. Oral contraceptive use and mortality after 36 years of follow-up in the Nurses` Health Study: prospective cohort study. BMJ 2014; 349:g6356. doi:10.1136/bmj.g6356.

e-mail ricercatore: kmichels@research.bwh.harvard.edu