pembrolizumab

news /

Reazioni cutanee da pembrolizumab, sono anche un bene?

I ricercatori dell’Università della California di San Francisco, utilizzando le segnalazioni provenienti da 2 studi clinici condotti tra il 2011 e il 2014, hanno stabilito la frequenza e le caratteristiche delle reazioni cutanee avverse da pembrolizumab, un immunomodulatore. L’analisi si riferisce a 83 pazienti con tumore (melanoma nella maggior parte dei casi, ma anche cancro del polmone, cancro della prostata e carcinoma a cellule di Merkel) che hanno ricevuto l’anticorpo anti PD-1 a dosi variabili tra 2 mg/kg ogni 3 settimane a 10 mg/kg ogni 3 settimane.

Italiano

Pagine