news / Lunedì, Maggio 30, 2016
Lunedì, Maggio 30, 2016

Interazioni clinicamente rilevanti di erlotinib

Principio attivo: 
La biodisponibilità dell’erlotinib è in relazione inversa con il pH gastrico e, in particolare, si riduce, nel corso di un trattamento con farmaci inibitori della pompa protonica proprio a causa dell’aumento del pH. Partendo da questa nozione, uno studio olandese di farmacocinetica ha esplorato le potenzialità di bevande effervescenti alla cola – tra i prodotti alimentari più acidi, con un pH di circa 2,5 ben più alto di quello dell’aceto (2,9) e simile a quello del succo di limone (2,4) – nel contrastare questa interazione sfavorevole. A questo scopo, in un gruppo di 28 pazienti con cancro del polmone non a piccole cellule, l’assorbimento del farmaco è stato valutato al 7° e al 14° giorno di trattamento secondo un disegno cross over che prevedeva l’associazione o meno a esomeprazolo di bevande alla cola o di acqua. Analizzando i risultati delle diverse combinazioni sperimentali è emerso che nei pazienti in trattamento con erlotinib più esomeprazolo l’introduzione delle bevande alla cola migliorava del 39% (variabilità da -12% a 136%, p=0,004) l’area sotto la curva che esprimeva l’assorbimento nelle prime 12 ore dopo l’assunzione (AUC0-12h). In assenza di terapia con l’inibitore della pompa protonica, la bevanda aumentava di poco questo parametro (9%, variabilità da -10% a 30%, p=0,03). Dallo studio sembra che basti qualche bicchiere di bevanda alla cola per garantire l’adeguata biodisponibilità di un farmaco come l’erlotinib che, somministrato per bocca, si è mostrato efficace per il controllo di neoplasie particolarmente aggressive, come quelle del polmone o del pancreas. Per una volta, al consumo di bibite dolci gasate, annoverato tra le abitudini alimentari non corrette, è riconosciuto un contributo di salute favorevole.
van Leeuwen RW, Peric R, et al. Influence of the acidic beverage cola on the absorption of erlotinib in patients with non-small-cell lung cancer. J Clin Oncol 2016;34:1309-14. e-mail ricercatore: r.w.f.vanleeuwen@erasmusmc.nl