news / Giovedì, Giugno 30, 2016
Giovedì, Giugno 30, 2016

Contraccettivi e variabilità del rischio tromboembolico

Il rischio di eventi avversi con i contraccettivi ormonali per bocca dipende dalla diversa composizione in estrogeni e progestinici. Sono queste le conclusioni di uno studio osservazionale francese su scala nazionale che ha coinvolto 4.945.088 donne tra i 15 e i 49 anni di età, che tra luglio 2010 e settembre 2012 avevano ricevuto almeno una prescrizione di contraccettivo per bocca e non avevano mai avuto un ricovero per tromboembolia, ictus ischemico o infarto del miocardio. In tutto nel follow-up sono stati registrati 1.800 casi di embolia polmonare, 1.046 casi di ictus ischemico e 407 di infarto miocardico. A parità di dose di estrogeni, desogestrel o gestodene comportavano un rischio maggiore di tromboembolia polmonare (rischio relativo per il desogestrel 2,16, limiti di confidenza al 95% da 1,93 a 2,41; rischio relativo per il gestodene 1,63, limiti di confidenza al 95% da 1,34 a 1,97), ma non di tromboembolia arteriosa, rispetto al levonorgestrel. A parità di dose di progestinici, una dose di etinilestradiolo di 20 µg si associava a un rischio minore di embolia polmonare (rischio relativo 0,75, limiti di confidenza al 95% da 0,67 a 0,85), ictus ischemico (rischio relativo 0,82, limiti di confidenza al 95% da 0,7 a 0,96) e infarto del miocardio (rischio relativo 0,56, limiti di confidenza al 95% da 0,39 a 0,79) rispetto a una dose di 30-40 µg. La molteplicità di contraccettivi estroprogestinici suscita da anni interrogativi circa l’associazione e/o il dosaggio di ormoni che garantiscano il minimo rischio di eventi tromboembolici. L’associazione di levonorgestrel con 20 µg di estrogeni sembra essere quella con un rischio globalmente minore di embolia polmonare o tromboembolismo arterioso.
Weill A, Dalichampt M, Raguideau F, et al. Low dose oestrogen combined oral contraception and risk of pulmonary embolism, stroke, and myocardial infarction in five million French women: cohort study. BMJ. 2016 May 10;353:i2002. doi: 10.1136/bmj.i2002. e-mail ricercatore: alain.weill@cnamts.fr